La Via degli Dei

Venerdì, 03 Febbraio 2017 09:20

Si parte da Bologna, simbolo di questa Italia “minore” ma che offre tesori nascosti, si scoprono luoghi e monumenti inaspettati come l’acquedotto romano, la vite secolare del Fantini, si incontrano molteplici tratti della strada romana Flaminia Militare, il più grande cimitero tedesco in Italia, il convento Bosco ai Frati, uno dei più antichi della Toscana e ancora il teatro romano e la sua acropoli, prima di arrivare alla rinascimentale Firenze.
Ogni tappa della Via degli dei è ricca di storia, di natura, di cultura e di enogastronomia, quattro parole che raccontano il nostro paese.


DOVE

Appennino tosco-emiliano
Partenza: Piazza Maggiore (BO)
Arrivo: Piazza della Signoria (FI)


TAPPE

5 (media 24 km a tappa) 


 ALTRE INFORMAZIONI

www.viadeglidei.it 

Informazioni e foto di InfoSasso

Si parte da Bologna, simbolo di questa Italia “minore” ma che offre tesori nascosti, si passa da San Luca con i suoi archi, che per noi sono fonte di sicurezza ma che emozionano i viaggiatori che arrivano al santuario con fatica ed entusiasmo. Si scende poi giù dai bregoli (Casalecchio di Reno), storico percorso di pasquetta per i Bolognesi e, percorrendo il Reno, si arriva a Sasso Marconi, incontrando luoghi che nascondono veri e propri tesori (l’acquedotto romano, l’oasi di San Gherardo, il Ponte di Vizzano…) e si continua per raggiungere l’area protetta del Contrafforte Pliocenico con i suoi fossili e la sua particolare vegetazione (e lungo il cammino si possono scoprire  la vite secolare del Fantini, il giardino botanico Nova Arbora, il colombario di Monte del Frate…). E se la stanchezza ha per un attimo il sopravvento, poco lontano, c’è sempre una trattoria che offre cucina tipica e tradizionale.

Quando il cammino riprende si riparte verso Monzuno (una fermata dal macellaio/salumiere Zivieri è d’obbligo perché l’Italia è anche i suoi sapori!) e poi verso Madonna dei Fornelli, località turistica per i nostri nonni che vive di una seconda giovinezza grazie alla Via degli Dei, si incontrano molteplici tratti della strada romana Flaminia Militare, il più grande cimitero tedesco in Italia (con 30.000 salme) al Passo della Futa ed immensi prati verdi che si alternano a boschi diversi uno dall’altro (i tanti castagni secolari lungo il percorso testimoniano di come un tempo questi alberi fossero importanti per le popolazioni delle nostre zone a cui davano nutrimento e calore). E ancora, ormai in Toscana, la Pieve del 1175 di Sant’Agata con i suoi musei di arte sacra e di arte contadina, come se le due attrazioni andassero in parallelo, la lunga strada che porta poi a San Piero a Sieve e a diversi luoghi suggestivi e nascosti (il convento Bosco ai Frati, uno dei più antichi della Toscana; il Castello del Trebbio, amato da Lorenzo il Magnifico ed abitato persino da Amerigo Vespucci; il convento di Monte Senario). Infine l’arrivo a Fiesole, con il suo teatro romano e la sua acropoli, ultima tappa prima di arrivare alla rinascimentale Firenze.

Le Tappe

LA PRIMA TAPPA: DA BOLOGNA A BADOLO
Trekking
Lunghezza: 21,30 km
Dislivello: + 817 m; - 515 m
Tempo: 6.50 h

LA SECONDA TAPPA: DA BADOLO A MADONNA DEI FORNELLI
Trekking 
Lunghezza: 28 km 
Dislivello: + 1460 m; - 1038 m
Tempo: 9.50 h

LA TERZA TAPPA: DA MADONNA DEI FORNELLI A MONTE DI FÒ
Trekking 
Lunghezza: 17,25 km 
Dislivello: + 783 m; - 753 m
Tempo: 5.50 h

LA QUARTA TAPPA: DA MONTE DI FÒ A SAN PIERO A SIEVE
Trekking 
Lunghezza: 21,08 km 
Dislivello: + 641 m; - 1197 m
Tempo: 6.30 h

LA QUINTA TAPPA: DA SAN PIERO A SIEVE A FIRENZE
Trekking 
Lunghezza: 33,20 km 
Dislivello: + 1367 m; - 1510 m
Tempo: 11.20 h

 

Contattando InfoSasso è possibile personalizzare il percorso secondo le proprie esigenze.

 

Via Degli Dei - InfoSasso

Ufficio Informazioni Turistiche
Sasso Marconi (BO)
Tel +39 051/6758409
e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Altri percorsi in Appennino

Devi effettuare il login per inviare commenti